DOP Restaurants in the Big City

The full original version in Italian is below this post

Over the last ten years, the landscape of Italian restaurants in London has expanded, you can now easily find pretty much any Italian product you want. This is not new and I’m not shocked to find products that I never imagined to see on the shelves in England. Instead what surprises and pleases me at the same time is the fact that some of the local Italian restaurants are created and managed by English guys in love with our country, in the true sense of the word. 

This is an indication of the great effect that our food and our culinary culture has on the British and how they try to recreate Italian settings; offering an oasis of familiarity to the Italians living in their country, and showing their fellow citizens flashes of Italian lifestyle. I am just fascinated by the way they do it and how they manage to reproduce with a creative spirit, but still faithful to the original, our traditions.

Therefore I would like to focus on two places that I consider interesting: Vivo, based in Islington Green, Angel, run by brothers Will and Ben Thompson and Augustus Harris, Covent Garden, run by Charles McDermott. The first offers Italian cuisine that covers all the regions of Italy and offers a range of hot dishes from Parmigiana (sublime!) to first courses, including different types of focaccia through to pizza of all kinds and sandwiches ending with a parade of really special sweets: from donuts to torta della nonna (grandmother's cake), Sicilian cannoli, Baci di dama and Cantucci, to eat in or even take away.Vivo Food

Vivo is decorated with stone from Rossendale, a granite stone floor from York and beautiful wood lining the walls. The team is rigorously Italian, including the chef, and are all friendly and smiling. 'Vivo' is definitely a concept when considering the attention to detail on the tables and the initials on the uniforms of the waiters: it is a place which is young, genuine and fresh as the raw ingredients of the food used. It is perfect for a quick lunch or an evening with friends or for a breakfast based on fresh croissants and good coffee- Neapolitan espresso.

The fact that, in addition to small tables, there is a long table in the middle where you eat next to each other, inspires in me a feeling of brotherhood that is often hard to find in this huge metropolis. Will, one of the brothers, sociable and always positive, works there every day and he’s committed in the first person, and this is' an attitude which I like because it shows his strong love and belief in this new venture (started a few months ago), and the immense passion for his work. Flanked by Ben, the brother who speaks Italian because he has lived in Italy for a while, they are a constant and reassuring presence for their clients, for which they created a terrace to be used for private parties and special occasions on the floor above, with 35 seats. If only the weather was a bit 'magnanimous'.... 

So if you find yourself in Camden Passage, a beautiful part of Angel famous for its antique shops and flea and silver markets open on Wednesdays, do not hesitate to stop in this beautiful place to enjoy tasty food prepared with care and love.

The second place is called ' Augustus Harris 'in memory of the playwright and manager of Drury Lane Theatre from 1879 until his death in 1896. Considered the father of the pantomime and appreciated for his extravagant performances, he was known for being fun-loving and a fan of good food and wine. A true bon viveur, remembered today with a bust at the end of the road, Catherine Street where the restaurant is located.

It’s actually ' Bacaro Venetian’, just opposite the Theatre Royal Drury Lane, with soft lighting and large windows, with a very peaceful atmosphere. The idea of the owner Charles, who comes from the world of finance but has made his bones at the International Culinary Center in New York before working for 5 years in the kitchen of Keith McNally's Morandi in the West Village, was born from his admiration for the city of Venice that inspired the concept of the place: 'a place where the food is not pretentious but simple, honest, sincere, a place that does not take itself too seriously, as are the bacari in Venice, par excellence'.

Augustus HarrisBy day you can buy extra virgin olive oil, Italian products, and wine in the evening where it transforms into a very 'cosy' place to put it into English, that is intimate and quiet, with 35 seats on two floors (the lower level is perfect for a romantic rendez-vous!) and where you can enjoy snacks, cicchetti (side dishes),  Stracciatella (which was very tasty!), and then charcuterie, crostini with ‘crudo di montagna’ (a type of raw ham), goat cheese and figs, burrata with pesto and rocket, or with cherry tomatoes,  bacon, fennel and ricotta salata. You can also opt for Tuscan panzanella salad among the various snacks. For drinks you can choose from the list of Italian wines or just sip a nice Negroni, Bellini or a Spritz.

In short, if you are on vacation or find yourself located in the popular area of Covent Garden enjoying the magnificent talent shows and the colourful stalls, and at some point want to take a break by choosing to eat Italian, this place is perfect. Here in the evening you can relax in peace and quiet thanks to the music in the background and the enveloping warmth that tells you not to leave, especially in winter time...

I have always admired the British for their outgoing attitude, I must admit, for their resourcefulness and persistence. We should learn from them, we have everything we need in Italy, except the optimism and a class of politicians who boost the economy and use the resources that young people can offer. But this is a hackneyed phrase, perhaps better to relax with a Spritz and sweeten our lives with a slice of tiramisu while we wait patiently, in our country, until things finally go the right way.

 

Locali DOP nella grande metropoli 

Che negli ultimi dieci anni il panorama della ristorazione italiana a Londra si sia espanso, che si possa ormai facilmente trovare ogni tipologia di prodotto italiano non è una novità e non mi sciocca più di tanto trovare prodotti che mai avrei immaginato di vedere sugli scaffali inglesi. Ciò che mi sorprende invece e compiace allo stesso tempo è il fatto che alcuni dei locali italiani siano creati e gestiti da ragazzi inglesi innamorati del nostro paese, nel vero senso della parola.
Questo è un elemento indicativo del grande effetto che hanno il nostro cibo e la nostra cultura culinaria sugli inglesi e su come essi si interessino di ricreare l’ambientazione italiana, per offrire oasi di familiarità a noi italiani, residenti nel loro paese, e omaggiare i loro connazionali con grandi pennellate di italianità. A me non resta che essere affascinata dal loro modo di fare e da come riescono a riproporre con spirito creativo, ma il più possibile fedele all’originale, le nostre tradizioni.

Pertanto mi vorrei soffermare su due posti che considero interessanti: Vivo, con sede a Islington Green, ad Angel, gestito dai due fratelli Will and Ben Thompson e Augustus Harris, a Covent Garden, di Charles McDermott. Il primo offre cucina italiana che copre tutte le regioni d’Italia ed offre un display di piatti caldi che spaziano dalla parmigiana (sublime!), a primi piatti passando per focacce, pizza di tutti i tipi al taglio, panini, e terminando con una carrellata di dolci veramente speciali: dalle zeppole alla torta della nonna, ai cannoli siciliani ai baci di dama e cantucci, anche confezionati da portare via.Vivo Food

L’ambientazione è molto particolare: pietre di Rossendale sui muri e granito e pietre del pavimento provenienti da York con tranci di vero legno che rivestono le pareti. Il team è rigorosamente italiano, compresi gli chef, e poi sono tutti disponibili e sorridenti. ‘Vivo’ è già un concept se si considera la cura nei particolari sul tavolo e le iniziali sulle divise dei camerieri; è un locale giovane, genuino, fresco come le materie prime impiegate. Ideale sia per un pranzo veloce che per una serata in compagnia o per una colazione a base di cornetti freschi e buon caffè espresso napoletano.

Il fatto poi che, oltre ai piccoli tavolini, ci sia un tavolo lungo al centro dove si mangia l’uno accanto all’altro, mi infonde un sentimento di fratellanza che spesso faccio fatica a individuare in questa immensa metropoli. Will, uno dei fratelli, socievole e sempre positivo, lavora nel locale coinvolto in prima persona, e questo e’ un atteggiamento che mi piace perché dimostra il suo forte amore per l’avventura cominciata pochi mesi fa, e l’immensa passione per il suo lavoro. Affiancato da Ben, il fratello che parla italiano perché ha vissuto in Italia per un po’ di tempo, sono una presenza costante e rassicurante per i loro clienti, per i quali hanno creato un terrazzo da utilizzare per feste private e occasioni speciali al piano di sopra, con 35 coperti. Se solo il tempo fosse un po’ magnanimo…

Se dunque vi trovate a Camden Passage, suggestivo angolo di Angel e famoso per i negozi di antiquariato ed i mercatini dell’argento del mercoledì, non esitate a fermarvi in questo splendido posto per gustare le pietanze preparate con cura e tanto amore.


Il secondo locale che vi segnalo si chiama ‘Augustus Harris’ in ricordo del drammaturgo e manager del teatro Drury Lane dal 1879 fino alla morte nel 1896. Considerato il padre della pantomima e apprezzato per le sue performance stravaganti, era conosciuto per essere un amante del divertimento, del buon cibo e del buon vino. Un vero e proprio bon viveur, ricordato persino con un busto alla fine della strada Catherine Street dove si trova il locale.

E’ un bacaro veneziano, posto proprio di fronte al Royal Theatre Drury Lane, con luci soffuse e grandi finestre, con un’ambientazione molto intima. L’idea al proprietario Charles, che proviene dal mondo della finanza ma si è fatto le ossa all’International Culinary Centre di New York prima di lavorare per ben 5 anni nella cucina di Keith McNally’s Morandi nel West Village, è venuta dalla sua ammirazione per la città di Venezia che ispira il concetto del posto: ‘un luogo dove il cibo non sia pretenzioso ma semplice, onesto, sincero; un luogo che non si prenda troppo sul serio, come sono i bacari per antonomasia’.

Augustus HarrisDi giorno si può acquistare olio extra vergine, prodotti italiani e vino mentre di sera si trasforma in un locale molto ‘cosy’ per dirla all’inglese, intimo cioè, raccolto, con 35 coperti disposti su due piani (il piano inferiore è perfetto per un rendez-vous romantico!) e dove si possono gustare cicchetti, stracciatella, assaggiata dalla sottoscritta e molto gustosa, e poi salumi, crostini con crudo di montagna e formaggio di capra e fichi; burrata con pesto e rucola, o con pomodorini pancetta, finocchio e ricotta salata. Si può anche optare per  l’insalata panzanella toscana tra i vari snacks. Per le bevande si può scegliere dalla lista di vini solo italiani o sorseggiare un bel Negroni, Bellini o lo Spritz.

Insomma chi viene in vacanza, e si trova nella famosa zona di Covent Garden per godere dei magnifici spettacolini quotidiani e delle bancarelle colorate, e vuole ad un certo punto prendersi una pausa scegliendo di mangiare italiano, non ha che l’imbarazzo della scelta in questo posto. Qui la sera poi ci si può rilassare in tutta tranquillità anche grazie alla musica in sottofondo e al calore avvolgente che non vi faranno schiodare dalla sedia…

Ho sempre ammirato gli inglesi per la loro intraprendenza, lo devo ammettere, per la loro voglia di fare e perché non si scoraggiano mai. Dovremmo imparare da loro, d’altronde abbiamo tutto quello di cui abbiamo bisogno in Italia, tranne l’ottimismo e sicuramente una classe di triti e ritriti, forse meglio berci su con uno Spritz e addolcire la nostra vita con una fetta di tiramisù mentre aspettiamo pazientemente che, nel nostro paese, le cose prendano finalmente il verso giusto.

* By signing up, I confirm that I am eighteen (18) years of age or older

Telephone: +44 (0) 20 7908 0600 web@armitwines.co.uk Opening Times: 9:00am - 5:00pm Make a Payment

drinkaware.co.uk